CRONACA DI UNA CHIUSURA ANNUNCIATA

Ormai è evidente che l’Arcelor Mittal potesse recedere dal contratto di affitto già si evinceva dal preliminare di vendita e tale potere di recesso fu riportato stipulato il 28 giugno 2017.
L’aspetto più sconcertante per quanto evidenzi la cialtroneria e falsità del M5S sulla pelle di 10 mila lavoratori condannati al licenziamento è che tutto ciò fu blindato con l’accordo di modifica risalente al 14 settembre 2018.
L’accordo che modifica il contratto dedica a ogni plausibile declinazione l’articolo 27. Il titolo è esaustivo: “Retrocessione dei rami d’azienda”. Quattro pagine fitte di fattispecie, sei paragrafi che definiscono ogni ipotesi.

https://www.ilsole24ore.com/art/ilva-contratto-che-smentisce-maio-e-da-ragione-ad-arcelormittal-AC6SdQX?fbclid=IwAR3wyAVl53pH_pf8vpe9gAxihQ6ahGSqz7UkmOooD0md4EUS4dhrQV6a-rw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *